Questo sito utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza agli utenti.

Continuando la navigazione si accetta l'utilizzo degli stessi. Per saperne di piu'

Approvo

                                                                                                                                                                                                                                

 

Basso elettrico e Contrabbasso

Docente: ALBERTO IGNE

 

Programma del corso:

1) Teoria musicale e armonia.
2) Teoria e lettura ritmica.
3) Lettura del pentagramma.
4) Tecnica diatonica e cromatica.
5) Improvvisazione.
6) Studio degli stili.
7) Studio dei bassisti.
8) Tecniche avanzate.

1) Teoria musicale e armonia.

- Nozioni di acustica.
- Il sistema temperato.
- La notazione dell'altezza.
- Indicazioni e segni di dinamica, espressione e abbreviazione.
- Scala diatonica e cromatica.
- Gli intervalli.
- I rivolti degli intervalli.
- Costruzione delle scale maggiori.
- Denominazione dei gradi della scala maggiore.
- Le scale minori.
- Il ciclo delle quinte.
- Le scale pentatoniche.
- Introduzione all'armonia.
- Le triadi.
- I rivolti delle triadi.
- La disposizione delle note negli accordi.
- La condotta delle voci.
- Le triadi costruite sui gradi della scala maggiore.
- Le triadi costruite sui gradi del modo minore.
- Analisi funzionale.
- L'accordo di settima di dominante.
- Le cadenze.
- Gli accordi di sesta.
- Gli accordi di settima.
- Gli accordi estesi.
- Polichords (accordi sovrapposti).
- La modulazione.
- Sostituzioni di accordi.
- Analisi armonica di brani di musica classica, jazz, rock, pop, ecc..
- Concetti sull'improvvisazione.
- I modi della scala maggiore.
- I modi della scala minore armonica.
- I modi della scala minore melodica.
- Il blues (armonia e scale).
- Le scale simmetriche.
- Utilizzo di scale alternative.
- Gli abbellimenti.

2) Teoria e lettura ritmica.

- Solfeggio ritmico eseguito direttamente sullo strumento (sottinteso per ogni argomento seguente).
- Concetto di pulsazione e metronomo.
- Indicazioni di andamento.
- La notazione della durata.
- Organizzazione metrica.
- La croma.
- Il punto e la legatura di valore.
- Le unità di divisione, suddivisione e misura.
- Gruppi irregolari 1.: la terzina.
- La semicroma.
- I tempi composti.
- I tempi irregolari.
- La biscroma.
- Gruppi irregolari 2.: la sestina.
- Le misure alternate.
- La semibiscroma.
- Gruppi irregolari 3.: la quintina e la settimina.


3) Lettura del pentagramma.

- Utilizzo della sezione “Leggere Il Pentagramma” tratta dal CORSO MULTIMEDIALE DI BASSO ELETTRICO, si impara a leggere posizione dopo posizione, in relazione alle conoscenze ritmiche, delle scale e degli accordi. Vengono proposti vari brani di epoca, genere e stile vario, con l’attenzione sempre rivolta allo sviluppo della musicalità dell’allievo.
- Applicazione progressiva delle nozioni assimilate su spartiti musicali, scelti anche rispetto alle inclinazioni musicali degli allievi.



4) Tecnica diatonica e cromatica.

- Studio di intervalli, scale e arpeggi organizzati in varie modalità di esecuzione e trasportati in tutte le tonalità.
- Esercizi cromatici (indipendenza delle dita, consolidamento della posizione della mano).
- Tecniche base per la mano destra: pizzicato, plettro, pollice, stoppato.



5) Improvvisazione.

- Applicazione dei principi teorici e tecnici, finalizzati all'improvvisazione, su successioni di accordi, standards, blues e rhythm changes.
- Studio, memorizzazione e trasporto di temi e melodie (sul pentagramma e ad orecchio).
- Memorizzazione e trasporto di sequenze accordali.
- Scale e cliché negli stili improvvisativi.



6) Studio degli stili.

- Country.
- Black: blues, soul, funk, disco, afro, reggae.
- Jazz: New Orleans, swing, bebop, ballads, latin, fusion.
- Rock: rock & roll, beat, progressive, hard rock, heavy metal, punk, new wave.
- Stili pop.
- Musica italiana.
- Musica classica.
- Musica etnica.

Nota 1: naturalmente è impossibile conoscere bene tutto di ogni stile o genere (stesso discorso per la lista dei bassisti al punto 7), l'allievo approfondirà ciò che ritiene più consono al suo animo, tuttavia è importante avere almeno un'idea di ciò che è avvenuto nel corso della storia della musica.


7) Studio dei bassisti.

- Rock anni '60: Paul McCartney, Jack Bruce, John Entwistle, Noel Redding, Tim Bogert, Bill Wyman.
- Rock anni '70: John Paul Jones, Roger Waters, Roger Glover, John Deacon, Sting.
- Rock progressive: Greg Lake, Chris Squire, Mike Rutherford, John Wetton, Tony Levin, Patrick Djivas, Fabio Pignatelli.
- Metal: Cliff Burton, Steve Harris, Billy Sheehan, Stuart Hamm.
- Rock anni '80/'90: Paul Simonon, Tina Weymouth, Mick Karn, Les Claypool, Flea.
- Soul, Rhythm 'n' Blues: James Jamerson, Bernard Odum, Tommy Cogbill, Donald "Duck" Dunn, Chuck Rainey, Jerry Jemmott, Carol Kaye.
- Funk: Larry Graham, Bootsy Collins, Louis Johnson, Verdine White, Bernard Edwards, Francis Rocco Prestia, Nathan Watts, Bill Laswell, Doug Wimbish, Mark King, Victor Wooten.
- Reggae: Aston "Family man" Barrett, Robbie Shakespeare.
- Jazz: Pops Foster, John Kirby, Walter Page, Jimmy Blanton, Oscar Pettiford, Ray Brown, Charles Mingus, Scott LaFaro , Paul Chambers, Gary Peacock, Ron Carter.
- Fusion: Stanley Clarke, Abe Laboriel, Max Bennet, Miroslav Vitous, Alphonso Johnson, Jaco Pastorius, Paul Jackson, Anthony Jackson, Will Lee, Marcus Miller, John Patitucci, Gary Willis, Jeff Berlin, Alain Caron, Michael Manring.

Nota 2: ovviamente le divisioni per genere o per decadi sono puramente indicative, ad esempio un bassista come Stanley Clarke ha suonato di tutto (jazz, funk, rock, pop), mentre John Entwistle è stato un bassista significativo anche negli anni '70.


8) Tecniche avanzate.

- Walking bass.
- Thumb & slap.
- Tapping.
- Armonici.
- Accordi e arpeggi (in senso chitarristico)