Questo sito utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza agli utenti.

Continuando la navigazione si accetta l'utilizzo degli stessi. Per saperne di piu'

Approvo

 

 

DIDATTICA STENIERIANA

A cura di Monica SARONNI

Il bambino dai 7 ai 9 anni e l’esperienza della quinta. 

 

 

Da quest'anno la NAM ha attivato il corso di propedeutica musicale con pedagogia Steiner-Waldorf, fondata su un’attenta osservazione delle tappe evolutive del bambino che le pone come centro di ogni attività didattica, tenendo conto dell’integrità della persona nei suoi aspetti corporei, emozionali ed intellettivi. 

Insegnare musica è un continuo ritorno ad un atto creativo ancestrale che ha la caratteristica di poter essere riprodotto e comunicato e tale possibilità porta in sé una GIOIA che non può essere dimenticata, anzi dev’essere il fulcro di ogni evento musicale proposto ai bambini. 

Il piccolo vivrà così l’incontro con la musica come il momento principe di scoperta e riscoperta delle proprie potenzialità. 
Il bambino, sperimentando la quinta, si trova in una condizione a lui familiare che attraversa tutta la sua esistenza e che risuona in lui fino ai nove anni. 

Ogni movimento della melodia verso l’alto provocherà un “uscire da se stessi”, mentre ogni movimento discendente produrrà un “rientrare in sé” Si capisce, quindi, quanto questa scala sia affine al processo di respirazione del bambino. 
In questa scala il centro tonale è tanto poco presente quanto lo è nel sentimento della vita del bambino, che vive tutto alla periferia. 

Nel movimento vive l’elemento emotivo, il bambino prende parte a ciò che lo circonda anche col sentimento e cosi’ il sentimento si fa gesto. Nell’età scolare i bambini riescono a controllare la loro gestualità, riescono a star seduti tranquilli perché il movimento, fin’ora manifestato dalle membra, subisce una trasformazione, da esterno diviene interno e in quanto movimento interiore sorge, ad esempio, in forma di canto. 

La musica è movimento interiore…

Movimento del corpo eterico che , nel settimo anno si libera, non serve più alla costruzione del corpo fisico (nascita dei denti perenni) e diviene il mezzo attraverso il quale il bambino sarà pronto ad apprendere tutte le materie scolastiche, memorizzare e creare artisticamente eventi musicali e canori.